LABORATORIO  TEORICO/PRATICO  

L’Arte della Leggerezza prende lo spunto dalla “ decrescita felice” : imparare a liberarsi  da tutto quello che realmente non serve, che appesantisce la nostra Vita, limita il  respiro, rende  la pancia un secondo cervello emozionale, mentre il primo rincorre i pensieri proprio nel momento in cui  crede di crearli .

 

leggerezza1

 

Come?

 coltivando l’arte dello stupore, che ci prendeva da bambini, davanti ad una coccinella o al primo amore infantile,

 ascoltando musica speciale, con frequenze  originali , che riporta in noi un equilibrio ed un’attenzione da tempo dimenticati, facendo l’inventario delle cose inutili che possediamo, cercando di capire che tipo di accumulatori siamo imparando la disobbedienza civile, prendendo coscienza dei condizionamenti  imposti da chi racconta di occuparsi di noi imparando a rivoluzionare i comportamenti , elevando il nostro livello di coscienza e diventando responsabili di noi stessi.

leggerezza2 Tutto questo facendo: 
esercizi semplici , ma molto efficaci;
divertenti , ma che vanno in profondità;
coinvolgenti, ma sempre nel massimo rispetto di sè e dell’altro.
meditando conleggerezza, ascoltandoci, colorandorilassandoci, e se lo desideriamo, non facendo assolutamente...nulla

 anche quando non ne ce ne accorgiamo, il registratore rimane acceso

Ottobre:          imparo a respirare    

Novembre:     sento la pancia

Dicembre :     dove vanno i pensieri?

Gennaio:          effetto Mozart

Febbraio :        mi alleggerisco …

Marzo:              butto via quello che non serve

Aprile :            imparo la disobbedienza

Maggio :          vado per la mia strada

 

 

leggerezza3

gli incontri si terranno al raggiungimento di almeno 8 partecipanti ogni lunedi dalle 16.30 alle 17.45

Per saperne di più clicca qui

Be Sociable, Share!