Archivio

VENERDI 21 SETTEMBRE ALLE ORE 21.00

NATURALMENTE  celebra l’Equinozio d’autunno con una seduta di armonizzazione con le campane tibetane , con la colorazione del Mandala e, come sempre, con un percorso che spiega il senso profondo di questo momento della Terra e del Cielo.

L’autunno è legato all’immagine dell’Arcangelo Michele ed alla sua simbologia.
In Natura è il momento di separare il frutto dal seme , per conservarlo e ricominciare il ciclo.
Nell’essere umano le forze di equilibrio, di giustizia, di discernimento tra il bene ed il male, rappresentate dall’Arcangelo Michele, ci insegnano la liberazione e la trasformazione.

Dall’Equinozio d’autunno all’Equinozio di primavera ritorniamo dentro, ci ripieghiamo su noi stessi e nella nostra interiorità, per poi “rinascere” a nuova Vita.

Per partecipare occorre prenotare entro mercoledi 18 settembre e versare un contributo di € 10.00 .

venerdi 21 marzo, alle 21.00,

ci incontreremo al centro per festeggiare l’arrivo della Primavera nel giorno dell’equinozio.

La Natura si risveglia spinta da potenti forze che governano la vita della terra , è un momento in cui possiamo sentirci più che mai in sintonia con tutto ciò che germoglia, sboccia e cresce , dentro e fuori di noi.

Una nuova vitalità , anche interiore, si diffonde dappertutto e insieme troveremo la saggezza e l’equilibrio  dinamico della Natura, attraverso musica ,mandala, movimento ,tradizione .

Vi preghiamo di darci la vostra adesione entro martedi 18  marzoed un contributo associativo di € 10.oo per partecipare alla serata, che è aperta anche agli amici.

MERCOLEDI 1 FEBBRAIO DALLE 19.30 ALLE 22.30

VI INVITIAMO  A A FESTEGGIARE CON UN ANTICO RITO:   

                             

LA FESTA DELLA CANDELORA                           

Nel “Lunario Toscano” dell’anno 1805 si ritrova questo testo: “La mattina si fa la benedizione delle candele, che si distribuiscono ai fedeli, la qual funzione fu istituita dalla Chiesa per togliere un antico costume dei gentili, che in questo giorno in onore della falsa dea Februa con fiaccole accese andavano scorrendo per le citta’, mutando quella superstizione in religione e pieta’ cristiana”.

Per la cronaca, i gentili erano i pagani e la Dea Februa era Iunio Februata (Giunone purificata), che veniva celebrata a Roma alle Calende di febbraio. Quindi, la purificazione di Maria fu fatta coincidere (per sostituirsi poi del tutto o quasi) con la festa pagana dedicata a Giunone e ai Lupercali. L’usanza di benedire le candele pare invece essere di origine francese e successiva alla processione (è documentata a Roma tra IX e X sec.)…….

Questo ed altro sentirete e vivrete, se parteciperete alla nostra festa , che vuol ricordare come i ritmi della Natura siano sempre ben presenti in tutti noi e in quello che ci circonda!

Chi intende partecipare può aumentare l’efficacia del rito seguendo alcune semplici regole
 cominciando uno o due giorni prima a :

consumare cibi leggeri e bere tisane depurative o anche solo acqua,

fare una bella pulizia della casa (purificare anche con incensi e con una candela accesa le stanze in senso orario) e decorarla a piacere con candele e fiori bianchi.

fare una bella pulizia mentale ( purificare la mente da cattivi pensieri, per far entrare la Luce della Natura, che si rinnova in noi)

fare un bel bagno o una doccia purificante ( mettere nell’acqua o sulla spugna un cucchiaino di miele -meglio se d’arancio- qualche goccia di olio essenziale di verbena o tiglio o tea tree, accendere nella stanza da bagno candeline bianche e verdi ed un incenso alla mirra o alla verbena). il buio dell’inverno se ne andrà con l’acqua, mentre nascerà la nuova energia del sole che torna.

scrivere una poesia, anche di soli due versi, da portare per il rito.

SE TUTTO QUESTO VI HA FATTO SORRIDERE, BENE , IL RITO E’ GIA’ INIZIATO….

Per partecipare occorre: telefonare e poi prenotare presso l’associazione, in via Manin 35, versando un contributo di € 15.00 entro lunedi 30 gennaio, mercoledi 1 febbraio venire puntuali, con abiti comodi di colore chiaro, meglio di bianco, e portare una candela bianca mai usata prima.   Al resto penseranno Naturalmente….

                            DIANA   347-8461310                             DANIELA  340-6258768

CORSO PER IMPARARE A SUONARE LE CIOTOLE TIBETANE

                                                                                                                     sabato 24 marzo

dalle 15.00 alle 19.00

Le millenarie ciotole tibetane sono uno strumento ideale per ottenere equilibrio fisico, mentale ed emozionale.

L’incontro apre le porte al mistero trasmesso dai loro suoni e invita ad un viaggio personale per ottenere uno stato di armonia, serenità, creatività e benessere.

  Scopriremo che le ciotole sono uno strumento che ci può servire in ogni momento per acquietare l’attività quotidiana e centrarci.

Chi possiede una ciotola tibetana può portarla e imparare a suonarla.

Non occorre saper suonare un altro strumento.

Sono disponibili ciotole sia per l’apprendimento che per l’acquisto.

ISCRIZIONI ENTRO martedi 20 marzo

CONTRIBUTO ASSOCIATIVO € 40.00

da versare al momento dell’iscrizione

numero max di partecipanti :15

conducono il corso: Diana Battistini e Daniela Senese

insegnanti abilitate direttamente da Albert Rabestein

direttore del “Centro terapia del sonido” di Buenos Aires